a    

Accedi

Seguici sui social

Top

Trattamento della Periartrite Scapolo-Omerale

La Spalla Dolorosa, chiamata in passato “periartrite scapolo-omerale” o anche “periartrite gleno-omerale” è una definizione molto diffusa per indicare una sindrome che raggruppa numerose e differenti patologie di tipo muscolo-fascia-articolare.

Nella sua accezione più frequente, la spalla dolorosa è rappresentata da una patologia di tipo infiammatorio della componente periarticolare, inserzionale e tendinea a carico dell’articolazione gleno-omerale della spalla. La spalla dolorosa solitamente ha infatti una buona risposta ai FANS. Tuttavia, vengono solitamente raggruppati in questa categoria anche i generici “dolori alla spalla”, indipendentemente dalla loro patogenesi.

Da punto di vista epidemiologico, la spalla dolorosa (anche se il termine “periatrite scapolo-omerale” è ancora molto utilizzato in ambito medico) colpisce più frequentemente individui di sesso maschile di età superiore ai 40 anni, ha un’insorgenza prevalentemente serale o nottura e si configura nella maggior parte dei casi come una patologia da OVERUSE, ovvero sovraccarico.

Gli sport più colpiti sono quelli in cui viene fatto un uso massiccio dell’arto superiore: pallavolo in primis, seguito da tennis, arti marziali (maggiormente gli atleti di tipo “wrestler” rispetto a quelli di tipo “striker” vengono affetti) e gli sport di lancio. In questi sport, solitamente la componente strutturale interessata è prettamente la regione della fascia periarticolare e della cuffia dei rotatori.

Vengono altresì colpite dalla sindrome della spalla dolorosa anche alcune categorie di lavoratori, specialmente coloro che effettuano movimenti ripetuti, come: metalmeccanici, idraulici o chi lavora nelle catene di montaggio. In questo caso, la regione maggiormente coinvolta dalla patologia è quella del trapezio superiore e l’area cervico-scapolare.

Se la condizione clinica si protrae nel tempo, il dolore comporta una progressiva riduzione dell’uso e della funzionalità nell’arto superiore, portando all’evolversi della patologia verso una condizione di SPALLA CONGELATA. In questa situazione l’ipomobilità dell’articolazione gleno-omerale produce una retrazione consistente e difficilmente reversibile del muscolo Sottoscapolare, che si manifesta in una forte limitazione nell’abduzione, extrarotazione e flessione della spalla; è pertanto richiesto un apposito protocollo di TRATTAMENTO PER LA SPALLA CONGELATA.

Da punto di vista clinico, si è potuto osservare come la periartite scapolo-omerale derivi frequentemente da due fattori:
1) uno squilibrio tensionale tra le componenti miofasciali che gestiscono il movimento della spalla e del gingolo scapolare;
2) un sovrautilizzo dell’area, che consegue in un thickening o fribotizing della fascia peri- e intra-muscolare delle componenti sopracitate.

A seguito del protrarsi della condizione di squilibrio e sovrautilizzo, la regione tende poi ad instaurare condizioni di degenerazione meccanica dell’articolazione, portando ad artrosi anche grave.

Pertanto, più precoce è l’intervento del fisioterapista, maggiori saranno le probabilità di successo e migliore l’outcome terapeutico.

Vi è da tenere in considerazione il fatto che, effettivamente, non è l’articolazione interessata dal processo infiammatorio – che invece, col progredire del problema, è interessata come detto da fenomeni artrosici – ma bensì la fascia periarticolare, tanto che la dicitura corretta di tale sindrome sarebbe più propriamente “fascite periarticolare di spalla”.

ESECUZIONE DEL TRATTAMENTO

Un trattamento efficace per la periartrite scapolo-omerale è dato dall’utilizzo di tecniche di Restrain sulle aree miofasciali dei muscoli motori principali di spalla che si presentano in disfunzione. Alle tecniche manuali, si possono poi associare anche ESERCIZI PER IL TRATTAMENTO DELLA SPALLA DOLOROSA attraverso Active Remodelling, per indurre un ripristino della fisiologica funzionalità articolare.

Nel caso in cui alla sindrome fosse associata anche una riduzione nella mobilità gleno-omerale, si possono utilizzare anche tecniche di Rebuild Fasciale come il Pompage per favorire il recupero del ROM e il respiro intra-articolare.

Il trattamento di Restrain viene effettuato solitamente in modo TRIPLANARE, lavorando sulle tre logge muscolo-fasciali principali in scompenso che agiscono sull’articolazione della spalla. Queste sono rispettivamente la loggia superiore (abduttori), la loggia anteriore (flessori e adduttori) e la loggia posteriore (rotatori).

All’interno di queste logge, vengono individuati i Trigger Point (o più correttamente Thicken Point) principali, corrispondenti alle aree dei POOL NEUROMOTORI su cui più frequentemente convergono le forze microtraumatiche.

FASE 1 – TRATTAMENTO DELLA LOGGIA SUPERIORE

Nella regione sovraspinata si possono localizzare due aree di thickening principali: quella corrispondente al Trigger Point dell’Elevatore e quella corrispondente al TP del Sovraspinato. Il trattamento di queste aree attraverso Restrain avviene nella solita modalità di frizione rapida: si applica una forza di circa 2-3 Kg, effettuando un movimento di frizione profonda con la nocca (o con il gomito) di circa 2-4 cm di ampiezza, a una frequenza di 2-3 cicli al secondo.

Si continua il trattamento di Restrain finchè non si percepisce un cambiamento nella consistenza della fascia profonda sottostante. Il dolore, durante l’esecuzione della manovra, può essere anche elevato (anche 8 punti su 10 in scala VAS) e irradiato alla spalla, al collo o a tutto il braccio.

Solitamente si sceglie il punto maggiormente attivo tra i due (più doloroso, irradiante e più rigido alla palpazione) e si tratta solo quello.

 

Trattamento del Thicken Point dell’Elevatore

Generalmente localizzato al di sopra del margine mediale superiore della scapola.

Si fa mettere il paziente in posizione seduta “a pensatore” e partendo dal margine mediale della scapola si scorre col dito (o col gomito) verso le apofisi trasverse delle vertebre cervicali C3-C4. Nel punto in cui si sente una “collinetta” o uno “gnocco”, corrispondente a una zona di dolore molto acuto per il paziente, si localizza l’area in addensamento – da trattare con decisione, ma sempre rispettando il dolore del paziente.

Trattamento del Thickent Point del Sovraspinato

Generalmente localizzato a lato del collo sotto i fascia laterali del Trapezio Superiore.

Si fa mettere il paziente in posizione seduta dritta e, partendo dal margine posteriore dell’acromion, si scorre col dito (o con la nocca) verso il collo, restando sopra i fasci laterali del Trapezio Superiore. Nel punto in cui si percepisce la “collinetta”, anche qui corrispondente a una zona di dolore elevato, si localizza la Thicken Area da trattare, quando presente.

FASE 2 – TRATTAMENTO DELLA LOGGIA ANTERIORE

Nella regione della fascia pettorale si possono instaurare diverse aree di disfunzione. Le due zone che più frequentemente vanno in scompenso nella fascite periarticolare di spalla sono quella corrispondente al Trigger Point del muscolo Succlavio e quella corrispondente al TP del Piccolo Pettorale. Il trattamento di queste aree attraverso Restrain avviene nello stesso modo della loggia superiore e anche in questo caso solitamente si tratta solo il punto più attivo.

 

Trattamento del Thickent Point del Succlavio

Generalmente localizzato immediatamente sotto la clavicola, verso il suo terzo mediale, tra le articolazioni costo-sternali e la linea mammaria.

Si fa mettere il paziente in posizione supina e, scorrendo con il dito o la nocca tra la clavicola e la prima e seconda costa, ci cerca un’area in cui si percepisce una sensazione di chiara fibrosità, in grado di innescare un dolore molto acuto.

Trattamento del Thickent Point del Piccolo Pettorale

Localizzato sul decorso del corrispondente muscolo, a livello del solco delto-pettorale, subito sotto al Deltoide Anteriore.

Si fa mettere il paziente in posizione supina e con le dita o le nocche si indaga la fascia pettorale subito al di sotto delle fibre del Deltoide. Nel punto in cui si percepisce una “collinetta”, anche qui corrispondente a una zona di dolore elevato, si localizza la Thicken Area da trattare con Restrain.

FASE 3 – TRATTAMENTO DELLA LOGGIA POSTERIORE

Nella regione della fossa infraspinata si possono localizzare due aree di thickening principali: quella corrispondente al Thicken Point del Sottospinoso e quella corrispondente al TP del Grande Rotondo.

Anche in questa loggia, scegliamo il punto più attivo e lo trattiamo con Restrain nelle solite modalità.

 

Trattamento del Thicken Point del Sottospinoso

Localizzato nella fossa infraspinata, tra il margine mediale della scapola, la spina della scapola, il suo margine inferiore e il solco delto-scapolare.

Si fa mettere il paziente in posizione prona e, indagando con il dito o le nocche nell’area della fossa, si tratta la fascia del Sottospinoso, cercando una zona in cui si percepisce una chiara firbosità, corrispondente a un’area di dolore molto acuto e irradiato.

Trattamento del Thicken Point del Grande Rotondo

Localizzato tra il margine inferiore dei fasci del Deltoide Posteriore, il pilastro ascellare posteriore e il margine laterale della scapola.

Si fa mettere il paziente in posizione prona con l’arto superiore in abduzione per quanto consentito dalla sintomatologia. Con la nocca si indaga nell’area del pilastro ascellare posteriore, sulla fascia del Grande Rotondo e il margine inserzionale del Capo Mediale del Tricipite. Nel punto in cui si percepisce una chiara fibrosità, corrispondente a una zona di dolore elevato, si localizza la Thicken Area da trattare.

In caso di perdita di mobilità della spalla o degenerazione della sindrome a Spalla Congelata, è necessario combinare al Restrain anche i trattamenti di Rebuild e Remodelling, seguendo protocollo di TRATTAMENTO PER LA SPALLA CONGELATA, altrimenti la terapia sarà solo parzialmente efficace.

Ottimo lavoro! Una volta terminata la seduta di terapia manuale, si lasciano al paziente da eseguire esercizi ESERCIZI PER IL TRATTAMENTO DELLA SPALLA DOLOROSA al fine di mantenere o migliorare il ROM articolare, la mobilità e la coordinazione.

Scopri di più

Cerchi un fisioterapista vicino a te?

Trovalo gratis con Physio App!

Vuoi formarti in terapia manuale?

Scopri i nuovi corsi avanzati!

Share

Accedi gratuitamente al videocorso di Fisioterapia Sportiva

Inserisci i tuoi dati per migliorare esponenzialmente l’efficacia e la qualità tecnica dei tuoi trattamenti sugli sportivi

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
NomeFornitoreScopoScadenzaTipo
__cfduidstudiozanellafisioterapia.comUtilizzato dalla rete di contenuti, Cloudflare, per identificare traffico web affidabile.1 annoHTTP
CookieConfigstudiozanellafisioterapia.comMemorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente1 annoHTTP
PHPSESSIDstudiozanellafisioterapia.comPreserva gli stati dell'utente nelle diverse pagine del sito.SessionHTTP
wc_fragments_#studiozanellafisioterapia.comIn attesaSessionHTML
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
Non usiamo cookie di questo tipo
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
NomeFornitoreScopoScadenzaTipo
_gastudiozanellafisioterapia.comRegistra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.2 anniHTTP
_gatstudiozanellafisioterapia.comUtilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richiesteSessionHTTP
_gidstudiozanellafisioterapia.comRegistra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.SessionHTTP
vuidvimeo.comRaccoglie dati sulle visite dell'utente al sito, come ad esempio quali pagine sono state consultate.2 anniHTTP
@@History/@@scroll|# [x2]studiozanellafisioterapia.com
youtube.com
In attesaSessionHTML
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
NomeFornitoreScopoScadenzaTipo
frfacebook.comUtilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.3 mesiHTTP
GPSyoutube.comRegistra un ID univoco sui dispositivi mobile per consentire il tracciamento sulla base della posizione geografica GPS.SessionHTTP
VISITOR_INFO1_LIVEyoutube.comProva a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati.179 giorniHTTP
YSCyoutube.comRegistra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente.SessionHTTP
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.
Non usiamo cookie di questo tipo
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.