a    

Accedi

Seguici sui social

Top

TORCICOLLO MIOGENO – ESERCIZI TERAPEUTICI EFFICACI

Il torcicollo miogeno acuto è una condizione clinica molto frequente che colpisce in particolar modo durante i cambi di stagione ed ha una maggiore prevalenza negli individui sottoposti a forte stress.

La sindrome, che interessa il rachide cervicale, si manifesta con un forte dolore e una significativa limitazione nel movimento, può essere efficacemente trattata con una serie di TECNICHE MANUALI PER IL TRATTAMENTO DEL TORCICOLLO ma trae beneficio anche dall’esecuzione di esercizi specifici, mirati a ripristinare la mobilità del distretto.

Gli esercizi, che devono essere guidati prima da un terapista esperto e poi eseguiti dal paziente in via autonoma, hanno come obiettivo quello di ridurre il dolore, recuperare il ROM perduto – specialmente quello in rotazione – e normalizzare il tono muscolare del distretto cervicale.

 

ESECUZIONE DEGLI ESERCIZI

Possiamo articolare il set di esercizi in tre fasi successive:
1) Recupero della mobilità aspecifica
2) Recupero della mobilità sul piano orizzontale
3) Recupero del ROM e superamento del blocco

Tali esercizi devono essere svolti per almeno 3 volte al giorno a cadenze regolare, anche se si consiglia di eseguirli nella fase acuta per almeno 6 volte al giorno, pertanto ogni circa due ore.

Il paziente deve effettuarli da posizione seduta, con la schiena libera oppure poggiata su uno schienale comodo.

Se il dolore Ë molto acuto, lo stesso set di esercizi può essere eseguito anche da supini, con la testa poggiata su un cuscino morbido, effettuando gli stessi movimenti indicati. Tuttavia è caldamente consigliabile passare all’esecuzione standard nel momento in cui il paziente è in grado di eseguirli da seduto.

ESECUZIONE DEL TRATTAMENTO

FASE 1 – REMODELLING FASCIALE IN RETRAZIONE DEL CAPO

Il paziente sta in posizione seduta e, se consentito dalla sindrome, mette il capo in linea ed effettua un lieve movimento di retrazione spingendo indietro il mento, prestando attenzione a tenerlo basso e a non estendere il collo.

Nel punto di massima retrazione, il paziente sposta leggermente lo sguardo verso il basso, effettuando così un lieve movimento di flessione del capo.

Il paziente torna poi con lo sguardo orizzontale e riporta il capo in posizione di riposo, SENZA PORTARE IL CAPO IN PROTRUSIONE! L’esecuzione deve essere lenta e controllata, pertanto ogni ciclo deve durare almeno 5-6 secondi.

Qualora il blocco dato dal torcicollo fosse tale da non permettere un perfetto allineamento del capo con la mediana, nel punto di massima retrazione il paziente deve allora tentare di correggere lievemente la posizione del capo, avvicinandolo alla linea mediana un po’ più ad ogni ciclo, fino a raggiungere la posizione corretta.

Si ripete questo esercizio per almeno 20 ripetizioni, per poi passare alla fase successiva.

FASE 2 – REMODELLING FASCIALE IN ROTAZIONE DAL LATO LIBERO

Mantenendo la stessa posizione, il paziente effettua nuovamente il movimento di retrazione del capo, ma questa volta, anzichè effettuare una lieve flessione, effettua una ROTAZIONE dal lato libero.

Tenendo il capo in posizione di retrazione mantenuta in modo non forzato, il paziente ruota il capo dal lato libero per poi tornare alla posizione neutra. Raggiunta la linea mediana, si riporta il capo in posizione di riposo, per poi cominciare un altro ciclo prima con la retrazione e poi eseguendo la rotazione. Il grado di rotazione aumenta un po’ di più ad ogni ciclo successivo, arrivando con le ultime ripetizioni ad effettuare un movimento a escursione completa.

Anche in questo caso il movimento va eseguito in maniera lenta e controllata per almeno una ventina di volte.

Questo tipo di esercizio serve a PREPARARE la mobilità del collo sul piano orizzontale per lo step successivo, nel quale si cercherà di recuperare il ROM perduto e vincere il blocco.

FASE 3 – REMODELLING FASCIALE IN ROTAZIONE DAL LATO BLOCCATO

Nella fase finale, il paziente deve cercare di recuperare la funzionalità rotatoria del collo dal lato in blocco. Pertanto, si effettuerà ancora il movimento iniziale di retrazione del capo, solo che questa volta poi si andrà a ruotare il capo dal LATO BLOCCATO.

Una volta raggiunto con la rotazione il punto di blocco funzionale (e/o quello in cui compare il dolore), si mantiene la posizione per un secondo, per poi tornare lentamente alla posizione neutra e riportare il capo in posizione di riposo.

Si eseguono quindi cicli successivi prima con la retrazione e poi effettuando la rotazione, solo che questa volta il grado di rotazione aumenta di pochi gradi, forzando ogni volta per qualche secondo la barriera data dal blocco funzionale.

Il massimo livello consentito di aumento della VAS durante la fase di “forzatura” del blocco è di 2-3 punti. L’obiettivo sarà quello di arrivare pian piano a una rotazione completa, oppure comparabile a quella del lato libero – o di poco inferiore.

Nei giorni successivi, con la progressiva riduzione del dolore e il recupero della mobilità, la frequenza degli esercizi può essere via via ridotta fino a una sola volta al giorno.

Scopri di più

Cerchi un fisioterapista vicino a te?

Trovalo gratis con Physio App!

Vuoi formarti in terapia manuale?

Scopri i nuovi corsi avanzati!

Share

Accedi gratuitamente al videocorso di Fisioterapia Sportiva

Inserisci i tuoi dati per migliorare esponenzialmente l’efficacia e la qualità tecnica dei tuoi trattamenti sugli sportivi

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
NomeFornitoreScopoScadenzaTipo
__cfduidstudiozanellafisioterapia.comUtilizzato dalla rete di contenuti, Cloudflare, per identificare traffico web affidabile.1 annoHTTP
CookieConfigstudiozanellafisioterapia.comMemorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente1 annoHTTP
PHPSESSIDstudiozanellafisioterapia.comPreserva gli stati dell'utente nelle diverse pagine del sito.SessionHTTP
wc_fragments_#studiozanellafisioterapia.comIn attesaSessionHTML
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
Non usiamo cookie di questo tipo
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
NomeFornitoreScopoScadenzaTipo
_gastudiozanellafisioterapia.comRegistra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.2 anniHTTP
_gatstudiozanellafisioterapia.comUtilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richiesteSessionHTTP
_gidstudiozanellafisioterapia.comRegistra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.SessionHTTP
vuidvimeo.comRaccoglie dati sulle visite dell'utente al sito, come ad esempio quali pagine sono state consultate.2 anniHTTP
@@History/@@scroll|# [x2]studiozanellafisioterapia.com
youtube.com
In attesaSessionHTML
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
NomeFornitoreScopoScadenzaTipo
frfacebook.comUtilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.3 mesiHTTP
GPSyoutube.comRegistra un ID univoco sui dispositivi mobile per consentire il tracciamento sulla base della posizione geografica GPS.SessionHTTP
VISITOR_INFO1_LIVEyoutube.comProva a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati.179 giorniHTTP
YSCyoutube.comRegistra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente.SessionHTTP
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.
Non usiamo cookie di questo tipo
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.